Gioielli artigianali online a Milano. Gioielli pezzi unici lavorati a mano a Milano. Cosa c’è dietro un gioiello artigianale?

Gioielli artigianali online a Milano.

Durante le fiere ho a che fare con diverse tipologie di visitatori, più o meno informati e competenti, che, di fronte alle mie creazioni, dopo la prima occhiata distratta, si fermano a guardare con più attenzione e cominciano a capire.

A capire cosa? Che dietro ogni gioiello che stanno guardando c’è un lavoro di ricerca della mia personale idea di ‘bello’, fatto di accostamenti, contrasti e citazioni.

gioielli artigianali pezzi unici

Mi chiedono di vederlo, lo provano, ascoltano le mie anche troppo prolisse descrizioni di come sono arrivato a definire quel gioiello che hanno in mano e vedo che man mano cominciano a guardarlo con occhi diversi.

Il gioiello che stanno guardando va oltre il valore delle materie prime che lo compongono, il pezzo tra le loro mani si arricchisce di un valore immateriale ma che lo rende unico: un po’ di storia del suo creatore.

I gioielli artigianali: un ponte per l’eternità?     Gioielli artigianali online a Milano.

In fondo, cos’è che rende un pezzo di tela con sopra dei colori un’ opera capace di suscitare emozioni? I frammenti di vita dell’artista che lo ha creato.

Un giorno, un mio caro amico, che di professione è un designer di prodotti per la grande industria, dopo avermi sentito presentare una mia collana, mi disse ‘’tu non vendi solo gioielli, ma narrazioni’’.

gioielli artigianali a Milano

Aveva ragione: dietro ogni mio lavoro c’è una storia, e le persone lo sentono.

Ormai sono quasi vent’anni che faccio fiere, ed una delle più grandi soddisfazioni del mio mestiere me la danno le mie affezionate amiche (faccio fatica a chiamarle ‘clienti’) che per prime hanno acquistato una mia creazione.

Ogni volta che tornano a trovarmi, mi ripetono tutte le stessa cosa:

‘’ il tuo gioiello (la tua collana, i tuoi orecchini, il tuo pendente), anche a distanza di anni, mi piace ancora, lo indosso sempre volentieri.’’

Per me, che tanto ci ho lavorato, in pensiero e lavoro manuale, è un po’ un modo per restare nell’eternità: aver creato qualcosa che esiste oltre la mia presenza fisica.

E’ un pensiero che mi fa stare bene, e mi fa amare sempre più il mio lavoro.

Lascia un commento